Pasquale Mistretta

Pasquale Mistretta

già Rettore dell'Università degli studi di Cagliari
Gli interrogativi che si pone la popolazione della Sardegna per superare le attuali difficoltà in merito allo sviluppo futuro sono tanti e certamente molto complessi, ma una vera risposta è stata finora elusa, forse per mancanza di idee o piuttosto per paura di pronunciarsi. Dunque l’isola si trova ad affrontare, in modo diretto e indiretto, una complessità di problematiche politiche, istituzionali, economiche, strutturali, che, in base al mutato quadro internazionale, impongono nuove coordinate di riferimento. Purtroppo prevale, anche attraverso tesi diverse, una interpretazione statica dei momenti che invece richiederebbero una riflessione sui cambiamenti della società e sulla conseguente dinamica interpretazione dei valori identitari e dell’Autonomia. E per questo motivo non è più rinviabile la ricerca di una nuova e più efficace argomentazione politica ed economica sullo stato di Insularità. In questo quadro si possono prendere in considerazione le alternative o le necessarie correzioni alla attuale obbligata interdipendenza Sardegna-Roma (recapito dei Ministeri di riferimento) per costruire un progetto di relazioni diverso con il quale dare nuove motivazioni e nuovo slancio alla popolazione sarda che appare demotivata e fatalisticamente passiva rispetto all’evolversi delle cose. Tra le motivazioni che giustificano l’Insularità bisogna correggere “l’inquadramento” nel Mezzogiorno che penalizza l’Isola senza consentire di migliorare il divario esistente espresso da quasi tutti gli indicatori economici e finanziari. Pertanto, pur senza prendere le distanze dal Sud del Paese, è quanto mai urgente aprire un nuovo dialogo senza intermediazioni con le regioni del Centro Nord della Penisola, prima che queste concordino con lo Stato i termini della loro Autonomia. La Sardegna quindi ha bisogno di presentarsi all’intero Paese con il riconoscimento formale di Regione Insulare, e con ciò interloquire con l’Unione Europea con meno vincoli penalizzanti.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi